Tartufo bianco: la Fiera di Alba

Che l’Italia sia uno dei paesi in cui si mangia meglio al mondo, questo è ormai risaputo: milioni di turisti scelgono il nostro paese non soltanto per le sue infinite bellezze artistiche, per la cultura e i suoi paesaggi mozzafiato, ma anche (se non soprattutto) per un’eno-gastronomia che ci invidiano in tutto il mondo.

La peculiarità dell’eno-gastronomia italiana è la sua varietà: in ogni regione si possono assaporare piatti tipici, preparati seguendo le ricette originali che spesso vantano tradizioni secolari.
Uno dei prodotti che riusciamo davvero ad esportare in tutto il mondo è il tartufo: aroma inconfondibile, sapore forte ma delicato allo stesso tempo, questo tubero impreziosisce qualsiasi piatto, dagli antipasti ai primi, fino ai secondi e perfino ai dolci.
Se l’Italia centrale con i suoi Appennini è la patria del tartufo nero, Alba e tutto il Piemonte sono i luoghi per eccellenza dove trovare il tartufo bianco estivo, quello più pregiato e dal sapore unico. Il prezzo di questo tubero varia continuamente e nel 2015 si sono raggiunti anche picchi di valutazione che oscillavano tra i 4600 e i 4800 euro al chilo.
Se si ama il tartufo bianco, non si può assolutamente mancare all’evento più importante che riguarda questo prezioso alimento: la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco di Alba. In autunno ed in particolare tra l’inizio di ottobre e la prima metà di dicembre, la splendida cittadina piemontese si trasforma letteralmente ed è pronta ad accogliere esperti e mastri tartufai di tutto il mondo che vengono a vendere e ad informarsi sulle qualità del tartufo bianco estivo. Ma non è certo una fiera solo per addetti ai lavori: chiunque può visitare la città, completamente invasa da stand e banchi con i tartufi in bella mostra, da “annusare”, toccare e, per chi può permetterselo, comprare. Non è solo il centro storico di Alba ad addobbarsi a festa con bancarelle di ogni tipo: praticamente tutta la città viene coinvolta in questa interessantissima fiera, che quest’anno ha celebrato la sua 85ema edizione.

Degustazioni, show-cooking, analisi sensoriale del tartufi sono solo alcune delle attività a cui si potrà partecipare in questa fiera. Il tutto contornato da manifestazioni tradizionali come la tipica Investitura del Podestà o il Palio degli Asini che gli albesi conoscono bene: i cittadini si vestono degli abiti di un tempo e mettono in scena bellissimi spettacoli nelle piazze principali della città. Ma non è finita: durante tutta la durata della fiera, i sabati e le domeniche c’è anche il Mercato Mondiale del Tartufo. In questo speciale mercato chiunque potrà contrattare per avere un piccolo pezzetto del prezioso tubero da custodire gelosamente una volta fatto rientro in patria, per preparare piatti prelibati.
E poi ancora degustazioni di vino, istruzioni per i migliori abbinamenti tra vino e tartufo, presentazioni di libri a tema, incontro con chef internazionali: tutto questo è la Fiera Internazionale del Tartufo di Alba. Se tra ottobre e dicembre si ha voglia di fare una gita fuori porta che delizi il palato, Alba è la destinazione giusta. Un evento unico che in tutto il mondo ci invidiano e che ogni anno registra centinaia di migliaia di presenze. L’ennesima testimonianza del fatto che il nostro paese, quando vuole, sa ancora organizzare manifestazioni di respiro internazionale, valorizzando al meglio i suoi prodotti e le sue eccellenze. Buon tartufo bianco estivo a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *